giovedì 21 marzo 2013

Zagor Collezione Storica a Colori: Le montagne della paura (ZCSC58)


Il cinquantantottesimo numero in edicola oggi contiene la conclusione dell’avventura di Zagor con i Sullivan (Zagor si scatena), nonché la prima parte della storia “La minaccia verde”.


LA MINACCIA VERDE

L’imbroglione Mister Honest vende a Cico la (falsa) mappa del tesoro di Eldorado. Cico, accompagnato da un riluttante Zagor, crede di poterlo trovare sulle Corna del Diavolo, due picchi rocciosi vicino a Dead Horse Town, originati dalla caduta di un meteorite.
Dentro una grotta, i nostri amici trovano una misteriosa pianta che comunica immediatamente a Zagor un’intensa sensazione di pericolo…
Tale sensazione si rivela motivata: Zagor e Cico hanno involontariamente risvegliato una pianta che si nutre del sangue degli esseri viventi e che si moltiplica ogni volta che viene tagliata!
Dopo aver sterminato una banda di rapinatori che si era nascosta nella caverna, seguendo i comandi di un vecchio indiano la pianta attacca la vicina città.
Sfuggito alla pianta, Zagor costringe lindiano a fornirgli un pozione diserbante, con la quale rinsecchisce tutti i germogli assassini.
La pianta madre, tradita, uccide lindiano e si rintana nuovamente nella caverna, prontamente sigillata da Zagor a suon di dinamite...
La storia ricalca quella texiana intitolata Il fiore della morte, e segna il ritorno di Alfredo Castelli su Zagor, alcuni anni dopo il suo debutto con Molok.

Lavventura è piacevole, soprattutto se uno ha amato i B-movies degli anni 40/50...
Alcuni spunti interessanti nella trama riguardano il simpatico Cico: la truffa subita dal messicano non si limita ad essere un siparietto comico a sé stante, ma fornisce lo spunto introduttivo alla vicenda vera e propria; ed è lo stesso Cico, più avanti, a salvare Zagor dal primo attacco del vegetale assassino.
I disegni del grande Donatelli rendono particolarmente bene le drammatiche fasi dellattacco della pianta e si addicono perfettamente alle atmosfere di questa avventura, la terza prettamente horror illustrata dal nostro (dopo LUomo Lupo e Acque Misteriose).

8 commenti:

  1. Piacevole, piacevole...anzi, a ben vedere la migliore storia zagoriana del 1977, primo anno "disastrato" per il nostro character preferito.
    Detto con convinzione.
    Ex-aequo con "La prova del fuoco", via...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...di cui parleremo la prossima settimana!

      Elimina
  2. Il povero Cico. Ogni volta la sua genuina cupidigia gli porta male...
    Quando viene contagiato dalla febbre dell'oro (n°57) o quando compra una mappa del tesoro (n°58).

    RispondiElimina
  3. Si conclude in questo volume (sarebbe meglio dire che si entra nel vivo!) la storia di Canzio e Ferri: la migliore di Decio su Zagor, probabilmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In "assolo" probabilmente sì...;-)

      Elimina
  4. Quella della pianta rampicante assassina mi era sembrata un pò strana, ma in linea comunque con le stranezze di Zagor. Non mi ha lasciato ricordi particolari, ma è stata una buona storia. ^_^

    RispondiElimina
  5. Godibile, ma poteva essere sfruttata anche meglio secondo me l' idea. Gran parte della storia è dedicata a Cico mentre la lotta dei nostri con la pianta non ha troppo spazio. La mia impressione è che, come accaduto per altre sue storie zagoriane, non bilanciasse bene la narrazione. Poi boh!

    RispondiElimina