mercoledì 27 giugno 2012

Zagor Collezione Storica a Colori: Zagor non perdona (ZCSC20)




         Il ventesimo numero in edicola domani contiene la conclusione dell’avventura con Manetola, le storie complete “Un eroe ritorna” e “Satko”, nonché l’inizio della storia “Il Fante di Picche”.
             P.S. Coraggiosa la decisione di utilizzare una cover "innovativa", con Zagor di spalle... e azzeccatissimi i colori utilizzati per la stessa!!!
 

                                                                           * * *
 
 

UN EROE RITORNA


Durante il loro viaggio di ritorno a Darkwood e dopo l’avventura con i Seminoles, Zagor e Cico giungono a Danielsburg, cittadina fondata dal famoso trapper Daniel Boone, scomparso anni prima senza lasciare traccia. Cico si traveste e si spaccia per il leggendario eroe al fine di rimediare un sostanzioso pranzo: immediatamente scoperto, ci guadagna solo delle botte da orbi!
          Divertente avventura di sole 27 striscie, esclusivamente dedicata al simpatico messicano e che funge da “prologo” alla successiva "Satko".

                                                                             * * *





SATKO


Satko, il nuovo amico di Zagor e Cico, è un indiano Cherokee. Ha studiato dai bianchi e si è innamorato di Linda Benson, la figlia di un facoltoso possidente. Satko la vuole sposare, ma il padre Amos è contrario al loro matrimonio e proibisce alla figlia di vedere il suo “sconveniente” boy-friend...
Il signor Benson si ricrederà quando Satko e i suoi Cherokee salveranno lui e la sua carovana dall’assalto di un gruppo di bianchi travestiti da pellerossa e guidati dal sindaco della città.
Storia carina, forse un po’ ingenua per gli standard attuali, anche se tocca temi importanti quali l’amore interrazziale ed il sacrificio disinteressato (quello del malinconico “Sindaco” di Hopeless City)...
            Devo, però, dire che non è mai stata una delle mie preferite...

12 commenti:

  1. Non sono tra quelli che apprezzano la cover di questa settimana sopra le altre; ad essere bella é bella, ma non é la mia preferita. Azzeccato anche il titolo, una volta tanto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me ha sempre ispirato un senso di selvaggio, di "tarzaniano"... Zagor, la giungla, indiani stranamente acconciati, l'ombreggiatura sulle spalle dell'eroe...

      Elimina
  2. Si tratta di una storia fortemente definitiva per quel che riguarda il carattere e la personalità di Zagor.
    Leale, orgoglioso ed innamorato della giustizia fino al punto di accettare di morire al fianco di Manetola, ma non di essere creduto un traditore.
    In chiusura della storia addirittura vediamo l'eroe commuoversi fino al pianto.
    Innammissibile non solo in Tex, ma in tutti gli eroi dei fumetti a Zagor precedenti e coevi.
    E qui sta la grandezza e l'originalità profonda di questo magnifico eroe.
    Da qualche parte ho letto (e in un' occasione ho pure scritto) che Tex è quello che vorremmo essere e quel che vorremmo fossero i nostri amici e i nostri avversari.
    Vero.
    Su Zagor non osiamo pensare la stessa cosa ed infatti non ricordo di aver mai letto nulla del genere.
    Una grandezza così immensa preferiamo pensare che non sia umana e quindi non esigibile nè da noi stessi nè dagli altri.
    Io però credo che ognuno di noi possa essere tanto migliore quanto peggiore di quello che possa pensare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....è vero!!!!sono così.

      Elimina
  3. La cover (di "Seminoles") è molto originale con il suo "effetto quinta", ma nonostante ciò non è particolarmente memorabile.
    Meglio comunque aver scelto questa che quella de "I Vendicatori" troppo inflazionata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già! Anche se sul forum spiritoconlascure ho visto come Ferri si sia "ispirato" per questa e altre a varie copertine antecedenti! °_O

      Elimina
  4. E la scena in cui Zagor "condanna a morte" il soldato che deve attirare Manetola fuori per essere ucciso nell'agguato? Il soldato nega di conoscere il vile tranello, allora Zagor lo costringe ad uscire facendolo finire impallinato! Oggi improponibile.
    Purtroppo.

    RispondiElimina
  5. Ah! Naturalmente nel mio primo intervento mi sono riferito alla storia dei Seminoles evocata dalla copertina e sulla quale non mi ero espresso in precedenza.
    La storia di Satko la considero poco più di un fill-in.
    Una "The Inner Light"...per chi mastica la discografia beatlesiana....Marco, ora riceveremo email minatorie di fans dei Beatles che adorano quella canzone! Ah! Ah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E noi risponderemo colpo su colpo! Eh, eh, eh!

      Elimina
  6. Sempre divertente "Un eroe ritorna"! :lol: Da ragazzino mi piaceva un sacco. Non la ricordavo però e mi sono divertito a riscoprirla! Una delle migliori mini-avventure di Cico! ^^ Troppo forti le prove

    SPOILER e quando compare la fidanzata di Daniel! :lol: ^^ FINE SPOILER

    L' avventura di "Satko" anche non la ricordavo più di tanto e m' è piaciuta ancora di più di quanto mi fosse piaciuta all' epoca! Anche qui oltre all' azione e al pathos Nolitta caratterizza bene i personaggi con il mitico Sindaco che da solo vale tutta l' avventura! Un personaggio che mi è molto piaciuto sin da ragazzino!

    SPOILER Troppo forte quando chiede a Zagor prima se abbia qualcosa da bere e poi del tabacco e, viste le risposte, si chiede cosa faccia il nostro durante il giorno! FINE SPOILER

    Una figura in parte divertente, in parte romantica, in parte SPOILER tragica. FINE SPOILER

    In effetti il finale alquanto repentino e SPOILER il repentino cambio d' opinione del padre di Linda FINE SPOILER

    sono un po così, però la considero una buona avventura che, come scritto sopra, affronta anche la tematica del razzismo per via romantica. Tra l' altro Toninelli e Burattini nelle storie con Satko inseriranno anche loro tematiche importanti.

    SPOILER Uno spasso quando il nostro va dietro in cespuglio con un aspetto tipicamente indiano e poi ne riesce vestito tutto elegante con Cico che non lo riconosce subito! ^^ FINE SPOILER

    "E la scena in cui Zagor "condanna a morte" il soldato che deve attirare Manetola fuori per essere ucciso nell'agguato? Il soldato nega di conoscere il vile tranello, allora Zagor lo costringe ad uscire facendolo finire impallinato! Oggi improponibile.
    Purtroppo."

    Una roba allucinante! Che era venuto in mente a Nolitta!?! °_O Mah! Meno male che è improponibile! Li ha proprio esagerato. Anche quando

    SPOILER fa saltare in aria il deposito di munizioni che ci sono alcuni uomini dentro FINE SPOILER

    insomma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse sono stato troppo drastico, ma certe scene sono quantomeno ambigue.

      Elimina