giovedì 11 maggio 2017

Zagor Collezione Storica a Colori: Il regno di Entak (ZCSC188)




Il centoottantottesimo numero in edicola oggi contiene la prima parte dell’avventura di Zagor contro Entak, il misterioso pellerossa che governa sulla Widegreen Valley.


LA VALLE MISTERIOSA

Misteriose sparizioni si ripetono nella foresta, in una zona dove ormai nessuno ha più il coraggio di inoltrarsi. Quando anche un convoglio militare sparisce nel nulla, i soldati di Fort Willis organizzano una spedizione incaricata di risolvere il mistero. Anche Zagor indaga e scopre che un misterioso personaggio dall’aura magica impone la sua legge a uomini pronti a obbedirgli in modo cieco e assoluto!
Nella Widegreen Valley, oltre i confini settentrionali di Darkwood, vige infatti la legge di Entak, un pellerossa dotato del misterioso potere di soggiogare chiunque al suo volere. Anche Cico, dopo essere stato rapito, è finito suo malgrado tra gli schiavi del dominatore della valle e partecipa all’attacco che questi ha ordinato contro i soldati del maggiore Powell, giunti alla ricerca di alcuni commilitoni scomparsi alcuni mesi prima. Zagor, che è riuscito a sfuggire a Entak dopo un primo scontro, raggiunge i militari proprio mentre l’attacco è in corso, e si trova di fronte, come nemico, il suo fido compagno di mille avventure...
La risoluzione della vicenda avviene nel cuore del regno di Entak, una piccola isola al centro di un lago, dove sorge un grande albero e dove sgorga una misteriosa sorgente: lì c’è la chiave di tutti i suoi segreti. Ed è lì che lo Spirito con la Scure giunge a portare la sua sfida, lottando non solo per la propria vita ma anche per quella di Cico, dei soldati fatti prigionieri e di tutti le vittime di Entak, riuscendo a svelare chi davvero sia il signore della valle e che cosa si nasconde nel suo passato.

Dopo quasi quindici anni Ade Capone torna a sceneggiare la serie regolare di Zagor con una storia a mio parere molto bella, con tematiche ed ambientazioni angosciose, surreali e cupe, molto congeniali all’autore.
Eccellente la gestione del mistero e della tensione narrativa, che crescono lentamente, pagina dopo pagina, affiancate anche da molta azione.
Una storia, inoltre, vissuta interamente attraverso gli occhi ed i pensieri del protagonista, facendo così uso di un modus narrandi tipicamente “nolittiano”, soprattutto nei dialoghi. Così come “nolittiano” è anche il ricorso al duello fra Zagor ed il nemico, rappresentato in diverse pagine di lotta aspra ed intensa.
In questa avventura Zagor è sì energico ed acrobatico, ma non si dimostra solamente un eroe forte e invincibile bensì anche un gran conoscitore della psicologia indiana ed un fine “oratore”, come dimostra nelle fasi cruciali della storia, dove risolve le situazioni critiche più grazie al proprio carisma che non alla forza.
Anche i villains Entak e suo padre adottivo Shakan, con il loro desiderio di vendetta, si rivelano personaggi a tutto tondo, dotati di una personalità forte ed interessante. Soprattutto la figura del primo: inizialmente è solo un nemico da odiare, poi diviene un malvagio da rispettare nei suoi valori e nella sua forza, ed infine un uomo da compatire, perché sferzato dalla sorte e sottomesso al padre (che, a sua volta, è stato vittima della malvagità degli uomini).
A ben vedere, però, ciò che più depone a favore di Capone è la sua capacità di avvincere il lettore con una storia che pur presenta diversi elementi già utilizzati più volte nelle vicende zagoriane: la “sfida all’ignoto”, l’indiano cui i bianchi hanno massacrato la famiglia, la speculare situazione che pare essere alla radice dell’ottusità del Maggiore Powell, l’esercito di servitori costituito da gente comune soggiogata mentalmente (persino Cico!).
Gallieno Ferri, dal canto suo, è bravissimo nel rendere i paesaggi e le atmosfere; spettacolari sono le vignette iniziali ambientate nei boschi ed inquietanti quelle che raffigurano la foresta morta e l’isolotto sulla palude.

15 commenti:

  1. Cari Amici,
    rieccoci qua
    "Dove eravamo rimasti..." verrebbe da dire, citando una frase celebre detta in un contesto tragico.
    Quoto il commento di Baltorr su tutta la linea: bella storia, bei colori, bei disegni, ottima caratterizzazione del Nostro e degli altri personaggi.
    Ho notato che il numero in edicola presenta pagine in numero inferiore ai precedenti volumi; così come è scomparsa la rubrica buoni e cattivi.
    Il volume più snello mi piace ugualmente.
    Senti un po', Baltorr, .... non Ti arrabbiare ma ... si sa mica sin da subito dove si arriva?
    Ho letto di 25 volumi (quindi fino al numero 566-567 dovremmo farcela...) e poi?
    solito allungo in base alle vendite?
    allora capitiamo male.
    Al mio edicolante, in precedenza, arrivavano 5-6 copie della CSC; stamattina ne aveva una sola...
    Se puntano sulle vendite e non stampano numeri, chiudiamo col 212...
    Un abbraccio e grazie ancora per il commento.
    Giovanni 21

    RispondiElimina
  2. Bellissima recensione Marco ...grande storia di un indimenticabile Ade Capone ..queste storie con queste atmosfere erano il suo pane ..un grande !! il maestro dal canto suo magico come sempre ...un caro saluto da Gianluca !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gianluca. Un caro saluto anche a te!

      Elimina
  3. Scusa. Ti ho fatto una domanda senza aver letto la Tua risposta.
    Alla prossima!
    Giovanni21

    RispondiElimina
  4. Francamente non ho apprezzato la scelta del gruppo editoriale "Repubblica-L'Espresso" di "alleggerire" i volumi settimanali:240 pagine di fumetto anziché 256! Mancano quindi all'appello ben 16 pagine! A Repubblica avevano paura di rovinarsi? Sono comunque contento che la CSAC sia ricominciata. A proposito,ho sentito in giro che le vendite di Zagor sono ritornate a crescere,e ciò è merito,sicuramente,delle ultime storie.Ti risulta,Baltorr?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Frank, per quanto concerne il numero di pagine della ZCSAC non so che dirti... Probabilmente hanno tenuto più bsso il numero di pagine per non aumentare il prezzo dell'albo...
      Per quanto riguarda i dati di vendita, non so se siano aumentati. L'ultimo dato fornitomi da Burattini (all'inizio di quest'anno) era di 32.000 copie...

      Elimina
  5. Come fa un fumetto cosi bello come Zagor a vendere cosi poco,misteri.

    RispondiElimina
  6. 32.000 copie oggi non sono disprezzabili. E parliamo di un personaggio nato all'inizio degli anni sessanta che è ancora in giro.
    Protetto dalla maschera virtuale del nickname, ho il coraggio di affermare che è difficile Zagor catturi nuovo pubblico anche ora che le covers sono classiche come quelle di Villa per Tex e moderne al tempo stesso , cosa che non guasta considerato che Pat è acrobatico come ogni bravo tarzanide.
    Remano contro il personaggio proprio decenni in cui Zagor è stato vissuto come un western non rigoroso - sappiamo quanti non amino le contaminazioni fantasy, horror e sci-fi classica con debordaggio steampunk - dal ritmo ( e le storie di Capone di questa nuova raccolta sono nel solco ) antico. Sarebbe davvero il caso considerato che SBE ha cartoonists come l'attuale cover artist del nostro di provare la strada di un Ultimate Darwkood non simile al recente tentativo di Martin Mystere quanto alla versione DK di Diabolik di Faraci e Palumbo. In fondo i due personaggi hanno praticamente la stessa età e partono dal muso cesellato di Bob Taylor. Non necessariamente a colori. E con un Cico + Tuco di Sergio Leone e meno Paperino + sergente Garcia di Zorro. Comic book spillato. Un fantasy. Non ballooons di pensiero. Ritmo serrato. Una rilettura 21mo secolo di cose come Skull l'Uccisore della Marvel. Forse scandalizzerebbe parte dello zoccolo duro, ma potrebbe racattare chi segue Dragonero, ma è stufo del solito sentiero di quest, draghi ed elfi e gnomi etc.
    Chissà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe essere un'iniziativa interessante, almeno per quel che mi riguarda... Non so però se attirerebbe davvero nuovi lettori o finirebbe comunque per essere acquistata solo da quello zoccolo duro di lettori che vogliono avere tutto, ma proprio tutto, ciò che si pubblica di Zagor...

      Elimina
    2. Non sono d'accordo !
      Zagor é giusto che si adegui ai tempi che cambiano ma sempre nel rispetto delle caratteristiche di fondo create da Nolitta e Ferri.
      Se un giorno (spero lontano) Zagor non avrà più vendite sufficienti rispetto ai costi di produzione smetterà di uscire, ma meglio così che snaturare completamente il personaggio.
      Oltretutto non sono convinto che apportando modifiche importanti al personaggio si guadagnino molti lettori.
      Chi cerca cose diverse ha a disposizione un universo di personaggi Bonelli di tutti i tipi.
      Lunga vita a Zagor

      Elimina
    3. Uno Ultimate Zagor probabilmente non incontrerebbe il favore di un pubblico che magari segue il personaggio se non dal 1961 almeno dal decennio successivo ed è passato attraverso il medioevo toninelliano ed il rinascimento di Morbur e Boss Boselli, ma potrebbe -dico solo potrebbe - catturare lettori millennials o nativi digitali. Negli USA all'inizio del 21mo secolo gli Ultimates di Millar/Hitch ( Avengers aggiornati a quegli anni ) hanno avvicinato un pubblico che considerava bolliti i vecchi Vendicatori e seguiva solo i mutanti e provocato il processo che ha portato al Marvel Cinematic Universe.

      Elimina
    4. Ultimate Zagor poteva essere fatto negli anni 90, ma, come si sà, la redazione non approvò il progetto di Toninelli. Visto come sono andate le cose meglio così. XD
      A proposito di MM, ho letto certe storie da mani nei capelli. Roba che secondo me su Zagor non si è mai vista per fortuna.

      Elimina
    5. "Remano contro il personaggio proprio decenni in cui Zagor è stato vissuto come un western non rigoroso - sappiamo quanti non amino le contaminazioni fantasy, horror e sci-fi classica con debordaggio steampunk - dal ritmo ( e le storie di Capone di questa nuova raccolta sono nel solco ) antico."

      Senza dimenticare Cico. Gioia per i lettori, ma per questo considerato probabilmente, ingiustamente, da molti un fumetto "infantile".

      Elimina
  7. Storia godibile e dall' atmosfera affascinante, ma in cui Capone fa un pò di riciclo tra valle misteriosa, ufficiale che odia i pellerossa ed indiano che trae la sua energia dal soprannaturale.
    Questa storia non ricordavo neanche di averla. XD Pensavo di essere arrivato al 500 qualche anno fa!

    RispondiElimina