giovedì 13 gennaio 2011

Pezzi difficili...

     Ho accennato al fatto che, quand'ero piccolo, le collezioni di fumetti venivano "costruite" mediante il sistema commerciale più antico: il baratto con gli amici e i conoscenti. Questo sistema abbastanza "chiuso", va da sé, non consentiva un particolare ricambio ed approvvigionamento di "materiale"...
     Infatti a metà degli anni '70, oltre al già citato n. 1, vi erano altri “pezzi” particolarmente (ed inspiegabilmente, aggiungo io) difficili da reperire, sia nell’edizione Zenith che in quella Scritta Rossa: il n. 6 (“La lancia spezzata”), il n. 33 (“La casa del terrore”) e il n. 67 (“Il re delle aquile”) sembravano essere scomparsi dalla circolazione...

  
     Il recupero di questi pezzi fu, da parte mia, generalmente fortuito: il primo lo recuperai durante le scuole medie, tramite il fratello di una mia compagna di classe, il secondo tramite  l’anziana zia di un amico, il terzo dal mio barbiere di fiducia… Altri pezzi inspiegabilmente difficili da trovare furono i nn. 4 e 10 (“Corvo Giallo” e “La danza della scure”): essi furono quelli che mi fecero finalmente completare la collezione, ma che riuscii a trovare grazie ad un conoscente di famiglia solamente nel 1977!!!


8 commenti:

  1. Ciao Baltor,

    sono MarioCX del forum spiritoconlascure.
    Non hai specificato se i tuoi ritrovamenti furono di originali o di "scritta rossa".
    Io non ricordo particolare difficoltà per nessuno dei "scritta rossa", forse perchè nel 1975 ne venne fatta una massiccia distribuzione presso le normali edicole cittadine.
    Non erano dei "200 Lire", ma poco allora mi importava.
    Gli Zenith, invece, erano già rarissimi alora.
    Quasi impossibile a metà anni '70 trovare qualche Zenith antecedente a "Ramath il Fachiro" o giù di lì...chissa perchè...

    RispondiElimina
  2. Ciao, Mario! Ben ritrovato anche qui!
    Alla tua domanda posso rispondere che i "ritrovamenti" furono originali per "La casa del terrore" e "Il re delle aquile", mentre furono "scritta rossa" per tutti gli altri...
    Comunque, devo confidarti che all'epoca non mi importava molto che si trattasse di un originale o di una ristampa ma che fosse un albo del "mio" Zagor! Solo anni dopo scoprii che gli Zenith erano molto più rari e ricercati...

    RispondiElimina
  3. Invece io avevo già il feticcio degli originali che già all'epoca, come detto, erano molto, molto rari.
    Nei '70s nella mia città (Savona) c'erano una miriade di rivendite di fumetti usati, alcune di esse sotto forma di banchi all'aperto nelle piazze, altri erano invece mini-negozi sistemati nei portoni.
    Poi con l'avvento del registratore di cassa obbligatorio sparirono tutti.
    Orbene, un commerciante sito in un portone di un condominio cittadino, evidentemente onestissimo e rispettoso dell'ingenuità dei bambini, mi sconsiglio di riacquistare gli originali se avevo già le ristampe...ahimè...era un consiglio proferito in fin di bene, ma se non l'avessi seguito oggi avrei un bel capitale!

    RispondiElimina
  4. onelio maffuccio5 gennaio 2014 13:09

    io li ho tutti originali dal 100 in su . e scritta rossa tutti dall 1 al 100 ! ora ho quasi completato gli scritta rossa con una cinquantina di quelli originali . sarà molto difficile completarli tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, caro Onelio... Difficile e... dispendioso! ;-)

      Elimina
  5. un saluto a tutti io sono un zagoriano 51enne. ho tantissimi fumetti di zagor di quando ero ragazzo fra cui il numero due e moltri altri ancora ma posso chiedervi quanto possono valere?. io ogni tanto compro gli speciali che nn sono male.ho ricomprato qualche mensile ma a mè sembravano meglio quelli di quando ero giovane ho confrontato la faccia di zagor e cico con i fumetti anni 70 ora quasi irriconoscibili. un cordiale saluto danilo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Danilo, sai che abbiamo la stessa età?
      In merito al valore degli albi, quelli della collana Zenith (soprattutto quelli fino al centenario a colori) se sono tenuti in ottimo stato valgono dei bei soldini... Ma non saprei indicarti i prezzi precisi. Prova a dare un'occhiata su eBay e così potrai fartene un'idea.
      In merito ai disegni attuali, devo dire che ogni artista ha il suo tratto caratteristico ma salvo sporadici casi si tratta sempre di ottimi lavori. E poi è anche grazie ai nuovi disegnatori se a distanza di più di cinquant'anni Zagor è ancora in edicola!
      Ciao!

      Elimina