sabato 27 novembre 2021

A DOMANDA… MORENO RISPONDE (42)

Abbiamo dovuto attendere quasi due mesi

ma ora eccoci qui con la

quarantaduesima puntata della rubrica

A domanda… Moreno risponde”!


Si parlerà di sceneggiatori, disegnatori,

dell’ultimo Speciale Dragonero, delle contaminazioni

fantastiche nella saga zagoriana, della collocazione

di una storia un una determinata collana…

e naturalmente di tanto altro!


Ringraziamo come di consueto Moreno Burattini

per la sua grande disponibilità.


1 – Caro Moreno, risulta evidente e giusta l’alternanza di vari autori sulla serie regolare e sulle testate extra di Zagor. Ti chiedo se ciò sia dovuto ad esigenze di programmazione, alla volontà di non avere il monopolio delle sceneggiature basato prevalentemente su un unico autore oppure se ciò sia dovuto al voler, sempre giustamente, alternare i vari generi narrativi ed argomenti per non averne alcuni simili gli uni di seguito agli altri.

Sono contento dell’aggettivo “giusta” con cui giudichi l’alternanza dei vari autori, soprattutto intesi come sceneggiatori (la domanda, mi pare, verte su questi). Il punto è che Zagor esce in edicola, ogni anno, con 2500/3000 tavole inedite, distribuite su varie testate. Personalmente, a voler essere larghi, non riesco a garantirne più di mille (considerando anche la mia produzione, pur limitata, per Tex e per Dampyr). Peraltro, considerando che c’è chi non mi sopporta, non voglio assolutamente impormi come autore unico, e sono convinto che il contributo di altri porti idee nuove e fresche. Il problema è che scrivere Zagor è faticoso e difficile (molto più di quanto possa sembrare a prima vista o di quanto si illudano gli aspiranti collaboratori). Come editor so quanto sia complicato imbrigliare l’estro dei diversi sceneggiatori nel mood zagoriano. Trovo fondamentale e miracoloso (vista la sua facilità di scrittura) l’apporto di Jacopo Ruch, a cui si aggiunge una piccola pattuglia di altri autori, ognuno (come me) con i suoi pregi e i suoi difetti. Quindi, riassumendo: non voglio avere il monopolio delle sceneggiature, per diversificare le calligrafie e vivacizzare l’ispirazione (e dividerci fraternamente le critiche), ma anche se volessi essere il padre-padrone dei testi (e non voglio) non riuscirei da solo a coprire il fabbisogno.

2 – Caro Moreno, crede che “Il viaggio degli eroi”, essendo uno Speciale Dragonero, abbia più voluto essere un omaggio a Zagor piuttosto che una sua avventura come co-protagonista? È apparso più come comprimario, a parer mio, a differenza di Cico che addirittura mi è parso più protagonista del suo migliore amico. Come giudica nel complesso questa avventura?

I due team-up fra Zagor e Dragonero sono usciti come Speciali della serie di Enoch e Vietti e dunque rientrano a pieno titolo nell’ambito della produzione della medesima. Il fatto che i creatori di Dragonero abbiano voluto entrambi omaggiare lo Spirito con la Scure, sceneggiando una storia a testa in cui compare il nostro eroe, non può che farmi un grande piacere. Però i due racconti sono gestiti, com’è giusto che sia, secondo gli stilemi dragoneriani, rispettando comunque le prerogative zagoriane.

3 – Caro Moreno, quale o quali dei personaggi creati dai tuoi collaboratori attuali ti piacerebbe utilizzare in futuro in una tua storia?

Ho una grande simpatia per Henry  Raven, personaggio femminile (il nome abbrevia Henrietta) comparso nel Color “La vendetta di Gambit”, scritto da Jacopo Rauch e pubblicato nel 2019. Ma lascerò che sia Jacopo a farla tornare.

4Caro Signor Burattini, molte persone pensano ancora a Guido Nolitta come modello da prendere in considerazione per confrontarlo con l’attuale Zagor. Io non rappresento che un affascinato lettore di storie datate e di storie nuove di zecca, sempre pronto a stupirmi in positivo ed in negativo di fronte a ciò che più o meno possa piacermi di ciò che assaporo mensilmente. La mia opinione è che bisogna accettare lo Zagor di oggi come quello di ieri, la sua evoluzione e non stare troppo a pensare al passato, ma creandoci il futuro affinché possa campare il nostro eroe preferito fino ad arrivare a chissà quale anniversario. Ora, prendendo ad esempio le primissime storie, Lei Signor Burattini, dopo aver fatto tornare il sosia di Zagor, Marcus l’Uomo Volante, ecc., ha qualche altro personaggio che le piace e che potremmo riuscire a rivedere in scena, pur trattandosi delle storie dei primi anni ‘60, e che non è mai tornato, oppure è stato solo citato come la strega Nemis? Visto che le morti non rischiano quasi mai di essere definitive, non so se può essere uno spunto Paulo Sarosi de “L’impronta misteriosa”, l’orso Poldo della medesima storia, oppure il Duca di Condè de “Il popolo della palude”. Tanti, tanti comprimari, amici e nemici, hanno fatto capolino nelle prime storie quando ancora doveva formarsi il carattere del nostro eroe. Anche il mostro dell’Abisso Verde è tornato grazie a Lei, per cui un qualche aggancio con la memoria di Ferri, Bonelli padre e Nolitta delle prime storie potrebbe anche risultare intraprendente da svolgere per i lettori di nuova generazione e per i più anziani che hanno ammirato quelle avventure da piccoli. Non so se possa essere una buona idea, per Lei, ma spero di averla perlomeno stuzzicata con questi rimandi ad un periodo storico molto lontano ma che è rimasto nel mio cuore ed in quello di tutti gli appassionati come Lei, non è forse vero? Un caro saluto.

Sono il primo a subire il fascino delle storie evergreen di Guido Nolitta, ma bisogna pur fare i conti con i tempi che cambiano e soprattutto con il fatto che Nolitta non ci sia più (nonostante l’assurdità della cosa, c’è chi protesta perché Zagor non è più scritto e disegnato da autori che sono morti). Ne ho scritto qui:

http://morenoburattini.blogspot.com/2014/11/nostalgia-canaglia.html

Quando ho ripreso in mano i personaggi nolittiani credo (spero) di averlo fatto con rispetto, cercando magari di spiegare meglio certi retroscena o risolvendo questioni rimaste insolute, in chiave postmoderna. Alcuni dei nomi da lei citati appartengono in realtà alle storie di Giovanni Luigi Bonelli (Sarosi, Nemis), un ciclo che, probabilmente, necessiterebbe di riscritture, rielaborazioni, chiarimenti e spiegazioni assai più dei classici del figlio Sergio (ho provato a chiarire e spiegare l’origine del mostro dell’Abisso Verde, per esempio). Fra gli esempi che lei fa, trovo particolarmente intrigante riflettere su un possibile ritorno nella cittadella del Duca di Condè.

5 – Caro Moreno, non so se lei è rimasto attratto dal mito di Medusa al pari del sottoscritto, ma cosa ne direbbe di trasportarlo nell’universo di Zagor?

Non ci ho mai pensato, ma potrebbe essere un’idea. Del resto, avendo avuto trasposizioni darkwoodiane del mito del vello d’oro come di quello delle fatiche di Ercole, anche Medusa potrebbe ambire a una storia dedicata.

6 – Dov’è il Silver Lake dove Mike Wilding ha massacrato gli indiani? È a Darkwood o da qualche altra parte negli Stati Uniti?

La geografia di Darkwood e zone limitrofe appartiene a un universo parallelo (uno in cui nel 1835 già ci sono le armi automatiche e in Pennsylvania crescono le liane) che a volte coincide con il nostro, a volte no. Anche Darkwood è un territorio vastissimo (non limitato certo alla palude dove vive Zagor, né alla foresta immediatamente circostante). Il fatto che Zagor per anni non trovi tracce di Salomon Kinsky nel solo peregrinare con “Wandering” Fitzy significa che, nella fantasia di Nolitta, il Silver Lake sia un po’ fuori mano. Storicamente si sa che gli Abenaki vivevano nel Maine e in alcune zone del Canada come il Nuovo Brunswick e il Québec. Perciò io collocherei il Silver Lake lungo il confine canadese. Tant’è vero che in “Furore!” (“Zagor Le Origini” n° 4) faccio scoprire il villaggio di Kinsky subito dopo che Patrick ha visto, con Fitzy, le cascate del Niagara (si veda a pagina 18 di quell’albo).

7 – L’ultima volta che abbiamo visto i Sullivan è stato ne “Le Origini”, ma quello è il periodo di “Zagor Racconta…”. Nel presente di Zagor, sono stati visti l’ultima volta in “Magia Indiana” molto tempo fa. Quando li rivedremo?

Secondo me, in un Color che deve essere ancora scritto. È in lista da tempo (in una lista che suggerisco sempre ai collaboratori che mi interpellano sui personaggi a cui eventualmente poterne dedicare uno).

8 – Caro Moreno, come viene scelta la posizione delle storie nelle varie testate? Cosa conta di più per farle apparire sulla regolare e non sul Maxi o sullo Speciale?

Ci sono tante variabili da considerare e tante alchimie da rispettare. A volte si tratta anche di fare di necessitò virtù e programmare le uscite sulla base di ciò che abbiamo di pronto. Se sono storie che si inseriscono in una continuity (tipo il ritorno di un certo personaggio, o il sequel di una certa avventura già apparsa sulla sere regolare) di solito si mettono sulla Collana Zenith, soprattutto se si tratta di racconti di stampo tradizionale. Sui Maxi (oggi “Zagor Più”), sui Color e sugli Speciali ci vanno, più o meno, storie scollegate e autosufficienti (anche se a volte i rimandi ad altre collane ci sono).

9 – Caro Moreno, con la seconda Odissea Zagoriana si è parlato di rinascita e di evoluzione. Credo che ci sia stata, ma non posso non comprendere chi l’abbia vista come un’involuzione per il semplice fatto che accostando Zagor ad Atlantide si sia forse un po’ esagerato, mettendolo su un piano del fantastico oltremodo problematico, perché non si può fare a meno di vederlo come inviato di Manito che salva il Mondo e, purtroppo aggiungo io, come una persona che, da lì in poi, avrebbe avuto ancora più a che fare con mostri e alieni di quanto non fosse accaduto prima (ed è accaduto). Oggi come oggi per Zagor avere a che fare con esseri dell’altro mondo pare cosa normale e non dovrebbe esserlo, secondo me. Pensi che i lati positivi siano comunque più dei negativi in questa evoluzione?

Il mito di Atlantide è un caposaldo del fumetto di avventura (così come della narrativa e del cinema di avventura). Perfino Tarzan ci ha avuto a che fare. Non capisco perché si debba parlare di “esagerazione” se un tema classico avventuroso viene trattato anche da Zagor. Sta’ a vedere che con Atlantide possono confrontarsi tutti, dalla Disney a Flash Gordon, e proprio noi che siamo il fumetto della contaminazione, del sense of wonder e della fantasia dobbiamo limitarci ai mercanti di whisky e ai trafficanti d’armi. Mah. Non capisco neppure perché il fatto di trovare dei resti di Atlantide debba mettere Zagor sul piano “mistico” (quello dell’inviato di Manito) più della storia “Magia senza tempo” dove Nolitta faceva dire a uno sciamano che lo Spirito con la Scure era l’“eletto degli dei”. Non mi pare che le avventure di Zagor abbiano mai proposto un eroe diverso da quello nolittiano. Davvero ogni lettore interpreta le storie come gli pare e si finge un eroe su misura. In ogni caso, ho risposto con dovizia di argomenti in questo articolo, che invito a leggere:

http://morenoburattini.blogspot.com/2012/12/piranhas.html

Resto sempre stupito quando leggo che Zagor non dovrebbe vivere avventure fantastiche (non dovrebbe avere a che fare con magia, extraterrestri, eccetera). Ho già risposto mille volte, sono un po’ stanchino. Il fantastico fa parte del personaggio fin dalle prime avventure. Nolitta ha immaginato Zagor come un eroe “contaminato” dal fantastico. Eppure c’è un gruppo di lettori che, non so sulla base di quali presupposti, considera Zagor un personaggio western. Ora, io non so quante e quali storie di Zagor abbiano letto costoro, ma posso assicurare, certo di aver ragione come sono sicuro di poche altre cose al mondo, che lo Spirito con la Scure è il fumetto della contaminazione per eccellenza, e che il presupposto stesso della sua creazione fu quello di collocarlo sulle frontiere della fantasia, della citazione multimediale, della trasversalità fra i generi. Un fumetto western già c’era, quando Guido Nolitta creò Zagor, e si chiamava Tex. Sergio Bonelli tutto voleva fuorché farsi concorrenza da solo, e men che mai far concorrenza a suo padre. Perciò, cercò di diversificare il più possibile il suo personaggio da Aquila della Notte. Lo ha detto in molte interviste. Ce n’è una su YouTube in cui risponde a una domanda in tal senso di Vincenzo Mollica. Ancora oggi, se uno vuole storie western fa bene a leggere Tex, se vuole storie fantastico-avventurose fa bene a leggere Zagor (personalmente, leggo tutti e due).  E’ stato Nolitta a tirare in ballo vampiri, akkroniani, mostri del Dark Canal, Akoto e Kiki Manito, Rakum l’Eroe Rosso e via dicendo, cortocircuitando i generi letterari. Se io, come autore, vengo chiamato a scrivere Zagor, ho il dovere di rispettare queste caratteristiche basilari del personaggio. Per cui alternerò tutti i generi, talvolta contaminandoli fra loro. Capisco che uno possa dire: “Io preferisco le storie con gli indiani a quelle con i mostri”. Perfetto, basterà aspettare l’avventura successiva. Ma non capisco uno che dice: “Zagor non deve raccontare storie di magia”. Perché chi lo dice è evidente che non conosce l’eroe di Darkwood e la sua cinquantennale tradizione, che peraltro è andata sedimentando non soltanto grazie a Nolitta, autore attivo per venti anni,  ma anche grazie a tanti altri sceneggiatori (tra cui Castelli, Sclavi, Boselli), attivi per quaranta. 

10 – Caro Moreno, essendo rimasto intrigato dal nuovo “Zagor Più” e rimasto affascinato sin dai primi Racconti di Darkwood, ti chiedo se questa mia sorta di proposta sia fattibile: utilizzare i Racconti di Darkwood, almeno una volta, con il ritorno di cinque nemici (compresa la cornice) da comprimere ognuno in 32 pagine, legati appunto dalla cornice dove si racconta, combattendo il nemico odierno, avventure passate di ritorni di alcuni avversari di alto, medio o basso profilo, nelle 4 storie da 32 pagine, che hanno messo in difficoltà Zagor. Cosa ne pensi?

I Racconti di Darkwood apparsi su “Zagor Più” non sono i primi, ma il proseguimento di una serie cominciata nel 2017 sul Maxi Zagor n° 31. Credo in realtà che queste storie brevi debbano, in linea di massima, raccontare storie il più possibile scollegate dalla continuity, per essere comprensibili anche da lettori occasionali, così come a volte sono occasionali gli autori “ospiti”. Salvo eccezioni, naturalmente.

11 – Carissimissimo Moreno, ho tre domande da porti e, siccome è la prima volta che ti scrivo te le voglio spezzettare. La cosa che più mi preme è il dispiacere di vedere fumetti di qualche tempo fa negli scaffali di varie edicole dove, per la maggior parte, ci sono Tex e Dylan Dog. Gli Zagor inediti ci sono, ovviamente, ma di quelli vecchi non riesco a trovarne, neanche le ristampe. Come è possibile questa cosa?

Una volta c’era una distribuzione costante di arretrati nelle edicole (ricordo anch’io certi scaffali pieni di vecchi Zagor e vecchi Tex), poi i tempi sono cambiati, così come le regole della gestione di magazzini (anche a livello legislativo), le abitudini dei lettori, le consuetudini degli edicolanti… oggi, purtroppo, restano le (poche) bancarelle dell’usato ed eBay.

12 – Caro Moreno, come seconda domanda ti chiedo se, al pari di Gallieno Ferri nelle prime storie, possa venire utilizzato un autore, che finora ha fatto solo il disegnatore, anche come sceneggiatore della storia da lui illustrata? Vedi qualcuno in grado di poterlo fare, nella tua “scuderia”?

Qualcuno lo sta già facendo.

13 – Come terza domanda, caro Moreno, ti chiedo se possa essere possibile vedere disegnata una storia di Zagor da Lito Fernandez, il quale purtroppo in Bonelli, su Tex, a mio parere non ha proprio dato il meglio di sé. Ti piacerebbe vederlo all’opera sulle tavole dello Spirito con la Scure e pensi che il suo tratto possa conciliarsi bene col personaggio del quale sei il curatore?

Il talento di Lito Fernandez è fuori discussione. Bisognerebbe vederlo poi alla prova (chissà se un tarzanide con la fisicità di Zagor in una foresta tutto sommato realistica gli verrebbe bene). Il problema è un altro: non basta desiderare una cosa per realizzarla, bisogna anche fare i conti con i problemi pratici (il budget, il troppo affollamento di autori, la disponibilità dell’autore a mettersi al servizio di una tradizione sessantennale, la disponibilità della Casa editrice, eccetera).

14 – Vorrei chiedere a Moreno Burattini se fosse possibile far ritornare Zagor sul Grande Tepui in Sudamerica, magari per andare a salvare Kruger e Mayer accompagnati da Icaro La Plume sull’altopiano con un dirigibile. Grazie.

Io sono favorevole alle trasferte, molti lettori no (purtroppo). In ogni caso, Darkwood è stata creata da Nolitta per mettere a disposizione tutti gli scenari dell’avventura anche senza spostarsi troppo (e senza andare in Venezuela). Qualcosa di simile al Grade Tepui c’è di sicuro anche dalle nostre parti. Comunque faremo senza dubbio tornare Kruger & Mayer, così come La Plume.

15 – Caro Moreno, rivedremo Zarkoff alle prese con l’amore della ragazza protagonista del Maxi “La Nave Fantasma”?

Chissà. Potrebbe essere un’idea. La suggerisco ad Antonio Zamberletti.

16 – Gentile Moreno, si è mai trovato in disaccordo con una scelta di un suo superiore riguardante Zagor? Se sì, può farci uno di questi esempi?

Naturalmente sì. Ma da buon soldatino, mi sono messo sull’attenti. E il più delle volte hanno avuto ragione loro, i superiori. Siccome siamo una squadra, ciascuno nel suo ruolo, meglio lasciar perdere gli esempi: si vince o si perde tutti insieme.

17 – Caro Moreno, pensi di poter almeno provare a tornare a scrivere sui forum, dando così la possibilità a chi non ha avuto la fortuna di conoscerti virtualmente di “socializzare” così con te?

Mi pare di essere socievole anche altrove. Qui, per esempio. Sulla mia pagina Facebook. Sul mio canale Youtube. Su Twitter. Ho anche un account Instagram me lo uso poco (ma lo uso) perché non ho capito bene come funziona.

18 – Caro Moreno, che tu sappia, qual è stata la storia di Zagor che ha subito il maggior numero di interventi redazionali per quanto riguarda soggetto e sceneggiatura e quale quella riguardante i medesimi per i disegni?

Stando alle parole di Sergio Bonelli, che ci scherzava su, direi “Molok”. Ci ha sempre scherzato su anche Castelli.

19 – Caro Moreno, il villaggio centrale di un campo indiano comprende anche che vi siano numerosi villaggi situati nelle vicinanze della stessa tribù, come si può dire per gli accampamenti di Winter Snake, Akenat, Tonka, ecc. situati a Darkwood, oppure che esiste un solo villaggio per tribù?

È un vecchio dilemma che ci portiamo dietro, mai del tutto chiarito (neppure da Nolitta). Partiamo dal presupposto che Darkwood sia una vasta regione e non un condominio. Dopodiché pare che esistano più villaggi per ogni tribù.

20 – Caro Moreno, le voglio porre una domanda “marzulliana”: sono i personaggi che fanno le storie o sono le storie che creano i personaggi?

Per quanto mi riguarda, parto con una storia. Immagino dei personaggi incaricati di darle vita. Poi i personaggi, a volte, modificano la storia facendole prendere direzioni inaspettate. Me ne sorprendo anche io.

 

21 commenti:

  1. Lito Fernandez ha disegnato anche un Demian per SBE. Ha qualcosa di Milton Caniff - come molti disegnatori latini cresciuti con il tratto di Hugo Pratt - ed è spigoloso e rigido. Il suo Zagor avrebbe una mascella come nemmeno quella dello Zagor di Chiarolla, ma non si muoverebbe con l'agilità che al personaggio dona Laurenti. Io sono favorevole all'insermento del rooster di Darkwood di disegnatori tradizionalmente al lavoro altrove ma i lettori true believers di Zagor temo non gradirebbero - tanto x fare qualche nome - Casini, Giez, Alessandrini ( che pure ha disegnato un Texone ), Riccardo o Rodolfo Torti o Giorgio Pontrelli nemmeno in qualche albo speciale. Pazienza.
    Il fanta fumetto esiste anche per quello. La zucca di chiunque è + grande di Darkwood. Posso sempre pensare alla figlia di Pat e Marie che Kiki Manito sceglie come ennesimo avatar. Zagora Laveau cresciuta come amazzone atlantidea parte in missione tra le dimensioni e diventa un pensiero nella zucca di scrittori di leggende che portano ad un editing forsennato di una storia di castelli stregati. Uno speciale intitolato Zagora Racconta. Testi di Claudio Chiaverotti disegni di Prenzy, Sara Colaone, Francesco Guarnaccia, Baronciani, Federico Rossi Edrighi. Olè. Ciao ciao

    RispondiElimina
  2. Infatti questo "Va de retro" su Atlantide non l' ho mai capito. Un conto è l' abuso e la qualità delle storie, un altro è il tema in se per se.

    RispondiElimina
  3. Mi ricordo la distribuzione straordinaria degli arretrati di Zagor nelle edicole!
    Si era intorno al 1975-1977 e credo che lo scopo era quello di supplire alla sospensione del servizio arretrati.
    E ricordo anche che erano tutti degli "scritta rossa" col il prezzo aggiornato.
    La particolarità era che avevano la carta piuttosto porosa e una brossura scadente che si seccava subito facendoli scompaginare.
    Mentre gli "scritta rossa" usciti al loro tempo (col bel 200 L.) sono immortali.
    Mi sono sempre chiesto il perché di ciò.
    Anche i Tex distribuiti nello stesso periodo (che erano dei "tre stelle" senza le tre stelle chissà perché) avevano lo stesso problema.

    RispondiElimina
  4. Caro Moreno, a chi si è prevalentemente ispirato per le fattezze fisiche, e dunque facciali, del personaggio Mortimer?

    RispondiElimina
  5. Ciao Baltorr. Moreno sono un tuo grande estimatore (basta leggere il mio Nick), secondo me sei stato l'unico ad unire lo stile di scrittura Nolittiano ad uno più moderno. La mia domanda è la seguente:Non sono un grande fan dei Team Up o Cross Over, tranne due. "I Tre Bill" e il recentissimo "Bandera". Due storie scritte da un autore che conosce bene entrambi i personaggi (I Tre Bill perché cresciuto con Bonelli). Io vorrei un incontro tra Il Comandante Mark e Zagor. Ma non un incontro fatto con il misurino, un tot di pagine a Mark ed un tot a Zagor. Piuttosto come nei due casi citati poco sopra, una storia di Zagor in cui c'è Mark. Tu sei l'unico in grado di poter sceneggiare un incontro del genere. Quindi, c'è qualche possibilità di vederlo? Ai Tempi del Boston Tea Party, Mark ha 18 anni circa, negli anni '30 dell' 800 ne avrebbe una settantina.

    RispondiElimina
  6. Buongiorno mi premeva scrivere al signor Moreno i complimenti per aver creato secondo me ma non dubito che piaccia a parecchi altri il personaggio di mortimer il miglior antagonista degli ultimi trent'anni sono rimasto stupito della maniera in cui è sopravvissuto dopo la ultimo scontro . In maniera geniale devo dire come si conviene a un genio del male come lui ora spero solo che alla fine di questa avventura venga catturato in modo da farlo tornare i miei più sinceri complimenti a Moreno per la sua creatività e fantasia cari saluti da Matteo

    RispondiElimina
  7. Abbiamo rivisto il geniale fumettista Michele Rubini nel racconto "Attacco Notturno", c'è la possibilità per lui di tornare allo Zenith?

    RispondiElimina
  8. Quando rivedremo Trampy? Non lo vediamo dal racconto "Mistero sul Monte Naatani".

    RispondiElimina
  9. Negli episodi "Discesa nel Maelstrom" e "I Fuorilegge della Valle Nascosta" in Islanda, Zagor sperimenta un naufragio in una barca. È assistito da un monarca irlandese, che lo chiama "Patrick" in onore di San Patrick. Prima di svenire, Zagor sognò suo padre al posto del monarca. Inoltre, il monarca dice che ci sono molti angeli in cielo che custodiscono Zagor. Qual è la vera natura di questo misterioso uomo? È un normale monarca irlandese o il suo personaggio ha un significato più profondo?

    RispondiElimina
  10. Caro Moreno, immagino che siano già in programma storie con la ciurma della "Golden Baby" ma le piacerebbe utilizzare la stessa ciurma come protagonisti della storia raccoglitrice di uno dei prossimi Racconti di Darkwood, dove potrebbero essere loro a narrare le gesta dello Spirito con la Scure attraverso brevi racconti?

    RispondiElimina
  11. Caro Moreno, nel 6° numero di "Darkwood Novels" apprendiamo che Zagor, insieme a Cico, ha visitato spesso la fattoria di Fiore della Notte, Brezza di Luna e Terence Foster. Rivedremo questi tre personaggi nella serie Zenith o in qualche altra? Come molto Zagor ha influenzato le loro vite non sarebbe giusto essere trascurato, soprattutto perché sono personaggi con molto potenziale. Potrebbero anche diventare personaggi importanti e regolari come gli amici più importanti di Zagor da Darkwood.

    RispondiElimina
  12. Roger Hodgson troverà mai Zagor?

    RispondiElimina
  13. Caro Moreno, prendendo spunto dall'intervista del Signor Baltorr sulla saga di Hellingen, qual è la sua storia preferita del Mad Doctor e quale quella meno bella? E perché? Ovviamente, tralasciando quelle sceneggiate da Lei.

    RispondiElimina
  14. Gentile Moreno, mi è sorto un dubbio che spero tu possa riuscire a placare. Nelle storie brevi de "I Racconti di Darkwood" esse vengono create apposta per far combaciare il racconto-cornice, od è proprio il racconto-cornice ad essere sceneggiato e disegnato in virtù delle scelte delle storie brevi che vi vengono proposte?

    RispondiElimina
  15. Ciao a tutti ho notato nelle storie che i comprimari amici di zagor hanno acquisito uno spessore notevole intendo le storie degli ultimi anni e di questo sono contento certo digging Bill verybad la plume soprattutto loro hanno maturato molto bene secondo me verybad nell' ultima storia di hellingen per esempio ammette lui stesso di non essere così tra virgolette monomaniaco da non sottovalutare il pericolo che rappresenta la setta dei discepoli di hellingen tanto da aiutare zagor mi ha fatto piacere questa evoluzione in senso positivo complimenti per la cura della serie al signor Moreno cordiali saluti e buon Natale visto che scrivo oggi 25 dicembre da Matteo Agostini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Matteo! Tanti auguri anche a te!

      Elimina
  16. Avevo letto che era prevista una terza serie a strisce di zagor ad opera dei Cassaro ma a tutt'oggi non ne trovo traccia sul sito Bonelli è stata semplicemente spostata più avanti nel tempo per prolungare i festeggiamenti per il sessant'anni del nostro eroe preferito ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questa domanda posso rispondere direttamente io: per quanto ne so la serie di albi a striscia disegnata dai Cassaro dovrebbe uscire nel 2022.

      Elimina